Elezioni: M. Tassone: “Ripartiamo in Campagna elettorale con lo Scudo Crociato!”

La campagna elettorale è partita. Il confronto fra le formazioni politiche segue degli schemi poco appaganti. Siamo a uno snodo importante per il futuro. I programmi non possono distaccarsi da valutazioni corrette della situazione. La girandola delle promesse e la rincorsa al rialzo, non va! Certo è bene affrontare i temi della pressione fiscale, della occupazione vera e non figurata. Quello che non si comprende è il filone delle “elargizioni” svincolato non solo dalle coperture finanziarie ma anche da un disegno complessivo di sviluppo, di sostegno reale alle piccole imprese artigianali ed agricole, a un riequilibrio del commercio rispetto ai grandi centri commerciali (le piccole imprese in Italia sono il 47 per cento). Le piccole imprese verranno ulteriormente penalizzate da una nuova restrizione del credito operante dal 1 gennaio 2018. C’è bisogno di un progetto che salvaguardi realtà umane dissolte da logiche soffocanti del profitto. Certo le tecnologie, le nuove dimensioni di apparati produttivi non possono trascendere da una dimensione umana. Se essa viene meno si inaridisce la società in un egoismo che sostanzialmente ne blocca lo sviluppo. Se non c’è sviluppo complessivo, quello economico sarà presunto e gli squilibri saranno più marcati. I ricchi sempre più pochi difronte ad una povertà sempre più accentuata. E la scomparsa del ceto medio diventerà ineluttabile. E gli squilibri producono ingiustizie. E le ingiustizie fiaccano i cittadini e la dispersione di energie determina povertà materiali e morali. Allora il confronto elettorale non può prescindere dai valori. Ci si deve impegnare non per disperdere ma per ricomporre. Si capisce la dialettica anche vivacissima. Non si comprende la conquista del voto sulla base di generiche promesse. L’area di ” Noi per l’Italia Scudo Crociato” è nata con l’intendimento di riportare l’Uomo al centro. Al di là di questo c’è un confronto fra gruppi sparsi che non si calano nel divenire della storia di civiltà dell’Italia. Lo Scudo Crociato non è un’aggiunta, non è una protesi ma un forte richiamo a riscoprire modi di essere di compostezza e serietà da tempo scomparsi dalla dialettica politica!

WhatsApp Image 2017 12 18 At 09.58.29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *