Il processo di sfaldamento delle istituzioni va oltre i limiti

Ritengo che il processo di sfaldamento delle istituzioni, presidio delle garanzie democratiche, é andato oltre i livelli di guardia: una vera e propria devastazione. Mi riferisco alla decisione del presidente Grasso di lasciare il gruppo del Pd. Solo in quel momento abbiamo saputo che la seconda carica dello stato rimaneva “accasato”. E’ una violazione di un principio sempre rispettato da tutti i presidenti dei due rami del parlamento nel loro ruolo ‘super partes”, come quello del presidente della repubblica. Non muovo rilievi personali a Grasso che vive il tempo della decadenza delle istituzioni gestite dai capi dei movimenti che non seguono la Costituzione, ma la piegano alle proprie interpretazioni e convenienze. Non ci sono più garanti degli interessi generali ma dei viandanti che si sono messi in viaggio con un bagaglio dove non c’é l’etica della politica. E Grasso è divenuto riferimento per nuove soluzioni partitiche e la stessa Boldrini, presidente della Camera dei Deputati, é attivissima nella ricerca di un ruolo politico. E non polemizzo nemmeno con la Boldrini. Buon senso, rispetto delle istituzioni era venuto meno quando Grasso e Boldrini all’inizio di legislatura venivano collocati nello scranno più alto dei due rami del Parlamento, senza aver fatto un giorno di esperienza parlamentare. Quanto stiamo raccontando non ha registrato commenti e reazioni. Eppure non é un problema delle persone ma investe il Paese. Quando si parla del primato della politica ci riferiamo al nuovo non a un passato quando non c’era la Costituzione. Mi duole che il presidente Violante affermi che se i comportamenti di Grasso e Boldrini, fossero avvenuti a metà legislatura si sarebbero dovuti dimettere perché ritengo che la funzione di terzietà dei loro incarichi ha eguale intensià dall’inizio fino all’ultimo giorno della legislatura. E adesso che siamo alla fine della legislatura cosa cambia? Non c’é violazione di un principio? La illiceità dei comportamenti sono sanzionati in riferimento al tempo in cui avvengono? Questo ragionamento ci porta lontani molto lontani dallo Stato di diritto che la”seconda repubblica” non ha preservato!

MARIO TASSONE

Logo 250

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *